Cerca nel blog

Caricamento in corso...

In evidenza

2016 PARTE LA STAGIONE ELETTORALE E REFERENDARIA

DA APRILE PARTITA LA RACCOLTA FIRME PER I REFERENDUM SOCIALI

REFERENDUM TRIVELLAZIONI - «IL GOVERNO RENZI STA DISTRUGGENDO LE NOSTRE VITE»
Contro la legge sulla scuola
Firma per i quattro quesiti per stoppare il colpo finale alla scuola italiana!
Contro i piani per nuove trivellazioni e nuovi inceneritori
Firma i due referendum ambientali!

LA FUNZIONE DEL NUOVO SENATO

LE MODIFICHE COSTITUZIONALI:
— comportano lo stravolgimento della democrazia rappresentativa;
concentrano il potere nelle mani del governo e di chi lo guida attribuendo ad un unico partito il potere esecutivo e il potere legislativo
— L’unica Camera dotata di rilevanti funzioni sarà la Camera dei Deputati
— condizionano l'elezione del Presidente della Repubblica, dei giudici della Corte Costituzionale e dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura.

PERCHÈ DIRE NO

Come prescrive l'articolo 138 della Costituzione, è stata depositata la richiesta di referendum da parte dei parlamentari, ma si procederà anche alla raccolta delle firme popolari - Stavolta, per bocciare Renzi, NON OCCORRE IL QUORUM

LA FUNZIONE DELLA NUOVA CAMERA

COL SUPERPORCELLUM RENZI ASPIRA A DIVENTARE L'UOMO DELLA PROVVIDENZA
Ma è già partita una raffica di ricorsi alla Corte Costituzionale


VAI AL SUPERPORCELLUM

Contro il superporcellum
Firma per i due referendum contro l'Italicum

RIFONDAZIONE COMUNISTA è a BRESCIA con due ingressi: in VIA CASSALA 34 (ingresso uffici) e in VIA ERITREA 20 (ingresso Sala incontri)

clicca sulla miniatura qui sotto

CONTATTACI: rifondazionebrescia@gmail.com telefono-0302411021 fax-0303736420
pec: rifondazionebrescia@pec.it

Anche nel 2016 puoi destinare il due per mille al nostro partito! Vai alla pagina con le istruzioni complete

DOVE TROVARCI

seguici anche sul sito   connettiti al sito www.rifondazionebrescia.it   su Facebook  connettiti a facebook   su Google+ connettiti a google+   su Twitter  connettiti a twitter   su You Tube connettiti a youtube

lunedì 23 maggio 2016

Il ritorno del duce a Salò

Le "aperture" ormai decennali alla riabilitazione sotto tutti i pretesti dell'ultima fase del fascismo fa sì che a Salò tale Giordano Bruno Guerri (quale offesa al grande filosofo!) abbia messo in cantiere una rassegna che esalta tramite l'arte la figura di Mussolini. Non bastava il Bigio a Brescia sempre in attesa di salire sul piedistallo in piazza Vittoria.
Come segreteria di Rifondazione Comunista di Brescia abbiamo mandato in Prefettura, in Questura e alla stampa questa lettera:

LETTERA APERTA

Al Prefetto
Al Questore
Alla Stampa

Ci sia consentito di esprimere alle Signorie loro ed agli organi di stampa il nostro orrore e raccapriccio per l’iniziativa che una istituzione pubblica si accinge ad inaugurare nella cittadina nota in tutta Italia come lugubre chiusura di una locuzione che indica e riassume tutta la tragedia di una di una parte d’Italia che, ormai succube del diretto controllo e comando della follia nazista, ha contribuito con feroce determinazione a prolungare l’agonia di quel regime. Purtroppo una agonia che ha comportato il moltiplicarsi di sciagure e sofferenze inaudite delle popolazioni di tutta l’Italia del Nord, prima che l'offensiva finale delle truppe alleate, quasi ovunque precedute dalla sollevazione delle eroiche truppe partigiane, ponesse fine a questa oscena rappresentazione.
Noi crediamo che nessuna proclamata “pacificazione” possa giustificare la parificazione dei protagonisti italiani degli ultimi anni e mesi di quella immane tragedia: non sono stati la stessa cosa i giovani che in montagna e in città, nella cascina e nel fienile si sono levati contro la barbarie, e chi fino alla fine ha persistito a combattere per la sopravvivenza del mostro, il più delle volte non per malinteso senso dell’onore o per rispetto dell’autorità, comunque instaurata, anche quando questa autorità era solo un burattino in mano straniera, e quale mano!
Noi crediamo che la mostra intitolata “Il culto del duce” sia qualcosa che la nostra città e provincia non possa tollerare:
- per il luogo, la città di Salò, come sopra si diceva
- per l’ambiguità del titolo “Il culto del duce”, ed ancora più del sottotitolo “L’arte del consenso nei busti e nelle raffigurazioni di Benito Mussolini”, che sotto le mentite spoglie di una iniziativa storica e culturale, attua un realtà una esaltazione poco occulta della figura di Mussolini”
- a questo si aggiunga la scelta simbolica della data di inizio e di chiusura della mostra, prevista per una durata di un anno da un 28 maggio ad un altro; e risulta incredibile e derisoria la giustificazione data dal direttore e responsabile della mostra, giustificazione consistente nel non essere bresciano e perciò nel non essere a conoscenza del significato del 28 maggio; ed a poco vale lo spostamento di un giorno della scansione temporale
- questo si aggiunga ancora l’incredibile, straziante ludibrio di inaugurare la mostra con una sonata eseguita con “Il violino della shoah”: come non vedere in questo una ulteriore oltraggio alle vittime del nazismo e del fascismo, non solo ebree, ma di tutti gli sterminati nei lager? E come non vedere un ulteriore oltraggio nella intenzione dichiarata da direttore Giordano Bruno Guerri – dicono le notizie di stampa – di dedicare la sonata alle vittime di Piazza Loggia? Non sarebbe la beffa perfetta, che sarebbe stata gradita a quanti, nei giorni della strage, hanno festeggiato e banchettato? Quanto avrebbero gradito costoro essere accompagnati da musiche che confermavano l’obiettivo raggiunto?
Per queste ragioni ci sentiamo di condividere il giudizio del professor Pino Mongiello, ex sindaco di Salò ed ex presidente dell’Ateneo salodiano, che in sintesi giudica l’iniziativa come di “Un metodo liquido per assicurare il culto del duce”.
Si potrebbe chiedere: ma che cosa possono fare Prefetto e Questore di fronte ad una iniziativa culturale?
Rispondiamo dicendo che per noi non si tratta di una iniziativa storica e culturale, ma prettamente politica, che dovrebbe allertare anche le autorità preposte in una città e in una provincia che sta vivendo da anni una endemica reviviscenza fascista, alla quale una iniziativa come quella di Salò non può che dare ulteriore impulso, alimentato anche dal fatto che episodi ripetuti ed eclatanti di violenza fascista, anche nel caso in cui sono avvenuti con piena evidenza, come a San Colombano, per fare un solo emblematico esempio, sono rimasti quasi sempre totalmente impuniti, o al massimo utilizzati per giocare agli “opposti estremismi”.


La segreteria provinciale del Partito della Rifondazione Comunista

Qui sotto la locandina della sciagurata iniziativa


lunedì 9 maggio 2016

Il discorso di Raniero La Valle a Brescia Popolo Costituzione e rivoluzione

Popolo Costituzione e rivoluzione

Discorso tenuto a Brescia il 6 maggio 2013 per l’apertura della campagna sul referendum

Raniero La Valle

Per partire, come sempre si deve fare, dal contesto in cui si svolge questo evento, possiamo citare una notizia meravigliosa che si trova sui giornali di oggi: a Palmira, l’antica città romana in Siria appena liberata dall’ISIS, l’Orchestra di San Pietroburgo ha tenuto un concerto con musiche di Bach e di Prokofiev nell’anfiteatro romano che era stato fino a ieri la sede di feroci esecuzioni. Questo vuol dire che la distruzione non è per sempre. Questo vale anche per la Costituzione: se anche riusciranno ora a distruggerla, essa rinascerà, l’Italia non sarà senza Costituzione, non perderà il patrimonio ormai acquisito del costituzionalismo democratico.

Popolo
Nel merito dell’incontro di stasera, devo dire che, nonostante qualche difficoltà sono venuto a Brescia per l’apertura di questa campagna sul referendum costituzionale, per una ragione precisa: per parlare della Costituzione nel nome di un mio amico bresciano, l’amico più caro che ho avuto nella mia vita, Franco Salvi, che alla Costituzione, alla Repubblica, al bene comune ha consacrato tutta la sua vita. Franco Salvi sognava la Costituzione quando faceva il partigiano: in seguito lui non ha mai parlato della sua esperienza di lotta armata, né nel periodo della sua militanza nella FUCI, né nel periodo della sua vita politica, nella quale è stato il più stretto collaboratore di Aldo Moro, dalla cui morte fu alla fine letteralmente straziato; cattolico e non violento, Franco Salvi, schivo e riservato com’era, non si è mai gloriato di aver combattuto con le Fiamme Verdi: io conservo – ma credo di essere uno dei pochi – una sua rarissima fotografia da partigiano con il fucile in mano.
Per lui la Resistenza, come per tanti come lui, non era ragione né di vanto né di retorica; è stata semplicemente la porta stretta, il parto doloroso attraverso cui tutto il resto è stato possibile, e grazie a cui la sua vita stessa ha preso il suo senso; la Resistenza è stato il varco attraverso cui è passata la Repubblica, la Costituzione, la libertà, i diritti e, sopra tutto, la dignità del lavoro e la dignità dei cittadini.
Dunque io vengo qui stasera, in nome di Franco Salvi e di tutti quelli che hanno resistito e combattuto come lui, per farvi una domanda, per rivolgervi una petizione, come si farebbe davanti a un sovrano; non ci sono del resto altri sovrani a cui si possa fare questa domanda. Noi siamo infatti oggi in Italia in una specie di sede vacante della sovranità. Il sovrano se n’è andato.
Abbiamo perso la sovranità monetaria, perché non possiamo più battere moneta, l’euro è governato a Bruxelles e a Francoforte, e ci sono una quantità di banche e centri finanziari che creano moneta dal nulla, una falsa moneta speculativa pari a decine di volte il prodotto lordo mondiale, senza alcuna possibilità di controllo.
Non abbiamo più la sovranità economica, perché l’abbiamo trasferita all’Europa, cioè ai mercati. Quando impongono a noi o alla Grecia politiche suicide, dicono: “lo vuole l’Europa”, ed è vero. Cioè lo vogliono i mercati.
Abbiamo perso la sovranità politica, non possiamo più decidere il giusto: avevamo l’operazione “Mare Nostrum” per salvare i profughi nel Mediterraneo, ne abbiamo salvato decine di migliaia (189.741 migranti assistiti) e ce l’hanno fatta chiudere perché l’Europa ha voluto sigillare le frontiere e tenere lontano i naufraghi con l’operazione Frontex, per finire poi ad alzare muri e barriere da cui si spara sui profughi con proiettili di gomma e lacrimogeni.
Non abbiamo più la sovranità del Parlamento, perché con la legge Calderoli prima e con l’Italicum poi abbiamo distrutto la rappresentanza, i parlamentari non sono eletti in rapporto ai voti, ma assegnati per legge, e sono nominati dai capi e notabili dei partiti, perciò sono funzionari di apparato e non delegati del popolo.
Ed ora abbiamo perso anche la sovranità della Costituzione: noi siamo di fatto senza Costituzione perché il 12 aprile scorso il Parlamento, senza i due terzi dei voti e addirittura a Camera vuota (erano pieni solo i banchi del governo), ha approvato una nuova Costituzione licenziando l’antica. Dunque la vecchia Costituzione non c’è più, perché i suoi custodi l’hanno abbandonata, sono fuggiti, mentre la nuova Costituzione non c’è ancora, entrerà in vigore tra diversi mesi, solo se supererà il vaglio del referendum popolare oppositivo.
Dunque in questo momento neanche la Costituzione è sovrana, non può garantire i nostri diritti, è lì per l’ordinaria amministrazione, in stato di transizione; per chi se lo ricorda, è come Umberto di Savoia che prima del referendum del ’46 non era re ma luogotenente del Regno, faceva le funzioni di sovrano ma non era sovrano.
Ma allora, se la sovranità se n’è andata, il Parlamento è delegittimato, la Costituzione è in una condizione di sovranità limitata e sospesa, dov’è oggi il sovrano?
Eccolo qui, il sovrano, è qui davanti a noi, la sovranità torna alla sua origine, alla fonte da cui promana, al soggetto cui primariamente appartiene, al popolo, e lo scettro torna nelle mani del popolo.
Perciò chi ha promosso questo incontro è come se venisse davanti a voi come dinanzi al sovrano a porvi una domanda. È una domanda semplice, a cui si può rispondere solo con un sì o con un no, come si dovrà rispondere col sì o col no nel prossimo referendum costituzionale, senza scelte intermedie e condizionate.
Non si può dire: voterei no, perché la riforma non mi piace, ma in realtà voterò sì perché non si può far vedere che ancora una volta, dopo tanti anni, le riforme non si fanno (è la dichiarazione di voto che ha fatto in TV dalla Gruber il nuovo direttore di “Repubblica”, Mario Calabresi); non si può dire: voterei no perché la riforma è dannosa e brutta, come hanno detto costituzionalisti anche governativi, però voterò sì perché se no cade il governo; non si può dire, come dice Renzi, che siate per il sì o per il no alla nuova Costituzione, votate sì perché se no me ne vado.
Questi sì e questi no condizionati non sono ammissibili; qui il vostro linguaggio deve essere sì-sì, no-no, come dice il Vangelo, il resto viene dal Maligno.
Ma allora, se si può dire solo sì-sì, no-no, bisogna vedere bene qual è la domanda. Bisogna intendere bene qual è la vera domanda, e smascherare la falsa domanda.
Finora noi siamo stati dominati da una falsa domanda, perché tutti quelli che vogliono cambiare la forma democratica della Repubblica non vogliono dirlo e non vogliono che il popolo sovrano se ne accorga, e dicono che vogliono solo cambiare un po’ il Senato e mandare a casa 200 senatori. Negli eccessi di sincerità la falsa domanda arriva a formularsi così: volete buttare a mare il Senato? Ma questa appunto è una falsa domanda, volta a ingannare il sovrano; perché se al sovrano, cioè al popolo, si dice: vuoi buttare a mare la tua sovranità, il sovrano naturalmente dice di no; invece se gli si dice: che te ne fai di due Camere, te ne basta una così spendi di meno e fai presto le leggi, è più facile che il sovrano dica di sì. Ma se davvero fosse questione di questo non ci sarebbe bisogno di prendersela tanto, né di scomodare la memoria di Franco Salvi, che pur era senatore, ma non certo per questo ha combattuto.

Costituzione

La domanda vera non è: volete mandare a casa il Senato; la domanda vera è: volete mandare a casa la Costituzione del ’48, e sostituirla con la Costituzione uscita ora dalle stanze del governo?
Per nascondere questa domanda dicono che la Costituzione rimane la stessa, la prima parte, cioè la parte dei principi, dei valori e dei diritti non viene toccata. Ma se si cambiano 50 articoli di una Costituzione che ne ha 139, e se questi 50 articoli sono quelli che mettono in campo gli strumenti, le garanzie e i controlli perché principi, valori e diritti diventino effettivi, perché la libertà non sia impedita, l’eguaglianza sia promossa e sia realizzata nei fatti, come volle che fosse scritto Teresa Mattei, allora non si può dire che la Costituzione resta la stessa.
E se la Costituzione non resta la stessa, la domanda immediatamente successiva che bisogna porsi è questa: ma allora che società vogliono fare? Ovvero quale diversa società è stata creata in questi anni. così da aver bisogno di una diversa Costituzione?
Perché le Costituzioni non sono indipendenti dalla società, il vero problema è quello della corrispondenza tra la Costituzione e l’identità di un Paese. Le costituzioni non precedono le società, ne sono l'espressione, anche se proiettata in avanti. La Costituzione del '48 ad esempio fu la conseguenza della grande rigenerazione spirituale e sociale prodotta dall'immenso dolore della guerra, e sentimenti come eguaglianza, libertà, dignità, solidarietà erano nelle masse prima di giungere alla formulazione costituzionale. Ma l'errore è di ritenere che solo i valori fossero legati allo spirito pubblico di quel tempo, e non anche le scelte dei costituenti sulle forme e le regole del sistema politico. Non è così: non solo la prima parte, ma anche la seconda parte della Costituzione era legata allo spirito del tempo. È evidente ad esempio che il ritrovato pluralismo politico affratellato nel sangue della Resistenza e nel percorso verso la Costituente, faceva ritenere così scontata, da non doversi nemmeno menzionare, ma dare come presupposta in tutti gli articoli della Costituzione, la proporzionale come metodo normale per le elezioni. Perché nessun valore, nessuna idea, nessuna energia doveva andare perduta; tutte erano degne, e anzi necessarie, tutte dovevano essere convocate per l’impresa comune; perciò, la proporzionale.
Né meno forte è stato il rapporto tra il sentimento diffuso e la scelta bicamerale. Il passaggio alla Repubblica e quindi la rivalsa su tutta la forma politica che l'Italia aveva avuto fino allora, aveva la sua massima espressione simbolica e reale nel Parlamento; caduto il re, questo era il sovrano, ovvero la sovranità visibile del popolo. E proprio perché c'era stato un Senato del Regno doveva esserci un Senato della Repubblica (mentre non era concepibile, né l’hanno chiamato così neanche oggi, un Senato delle autonomie). Però il Senato, che era di nominati a vita (e per questo c'erano rimasti dei senatori non fascisti nel tempo di Mussolini), doveva essere anch'esso di eletti dal popolo, e così realizzare un parlamentarismo differenziato e ricco, non solo in rapporto al governo, ma ancora di più in rapporto al territorio. In questo senso le decisioni dei Costituenti erano fortemente influenzate dal sentire comune, che non solo voleva la democrazia, ma una democrazia abbondante. Senato e Camera volevano dire una democrazia abbondante, una democrazia più garantita; due Camere voleva dire che se una mascalzonata, una legge liberticida, una legge sbagliata passava a una Camera, poteva essere fermata dall’altra, poteva essere raddrizzata. Ricordo solo la legge sull’aborto. Se essa è stata alla fine accettata dalla coscienza pubblica, anche cattolica, e ha superato referendum e giudizi di costituzionalità, è perché la legge di impronta radicale uscita dalla prima lettura della Camera è stata poi completamente ripensata e rifatta dal Senato. E basterebbe ricordare la legge Gozzini sull’umanizzazione delle carceri, che senza il Senato non esisterebbe nemmeno. E così per moltissime altre leggi.
Ma c'erano delle ragioni ancora più profonde che spingevano la Costituente alla scelta di un Parlamento veramente rappresentativo e di una proporzionale sincera, senza forzature nè esclusioni. La prima era il grande prestigio che godeva la prima rappresentanza repubblicana, che veniva dall'impegno politico, dalle carceri e dalla clandestinità, conduceva vita austera, era mal pagata (Teresa Mattei voleva darle il salario di un operaio romano) e certo non poteva essere sospettata di carrierismo. E la seconda era la grande stima che non solo circondava la rappresentanza politica in generale, anche per il legame di importanti masse popolari con i loro partiti e i loro leaders, ma altresì caratterizzava i rapporti degli stessi rappresentanti, pur avversari politici, tra loro; basti ricordare le parole di altissima considerazione che il partigiano Dossetti ebbe a pronunciare riferendosi alla testimonianza di un partigiano comunista del Reggiano.
Così la Costituente scrisse la prima parte e, indissolubile da questa, la seconda parte della Costituzione; era la Costituzione naturale, omogenea, anche se "presbite", dell'Italia e della società di allora. E l’idea era che l’Italia e la Costituzione crescessero insieme.
Invece questa corrispondenza si è rotta. Lo sviluppo economico, il mutamento dei costumi, i sovvertimenti dell'ordine politico ed economico internazionale hanno cambiato radicalmente il quadro, hanno inaridito e reciso i legami sociali senza che le grandi agenzie religiose culturali e informative fornissero la linfa per rigenerarli. Né le dottrine politiche, né il pensiero politico comune, né i comportamenti dei cittadini si sono portati all'altezza delle nuove sfide. Sopratutto dopo l'89, finita la guerra fredda, non si sono prodotte analisi adeguate, non si è progettata la nuova società della pace. Nessuno ha denunciato la presa del potere da parte del Denaro, nessuno ha accusato la società mondiale dell'esclusione, nessuno l'economia che uccide. Nessuno fino a papa Francesco.
Oggi la società è più barbara di quella nella quale è stata concepita e stipulata la Costituzione del '48. Secondo le ultime statistiche europee in Italia ci sono 7 milioni di poveri reali: ma, come i profughi, sono dei numeri, non dei visi, delle storie, delle famiglie. Il costo di produzione che si cerca di abbattere, fino a renderlo residuale, è il costo del lavoro. Ciò toglie ragione alla stessa produzione e alla stessa economia, lasciando il primato alla finanza e alla speculazione. Sessantadue persone nel mondo hanno una ricchezza pari a quella di tre miliardi e mezzo di persone. E l'Europa dopo aver compiuto il reato di omissione di soccorso, ovvero di stragi, nei suoi mari, spara sui profughi e i fuggiaschi sopravvissuti. Spara, per ora, con proiettili di gomma, perché gli invasori sono venuti senza asce e bastoni. E con alchimie prive di qualsiasi relazione con la realtà, discrimina tra i presi e i lasciati, distingue tra chi, essendo in fuga dalla fame, non ha alcun diritto e chi, provenendo da mattatoi più violenti, può implorare asilo dalle burocrazie europee; e su queste basi firma con la Turchia un contratto di deportazione dei senza speranza.
Cosa ci sta a fare in un mondo così la Costituzione italiana, il bicameralismo, il Senato, la democrazia abbondante, il controllo parlamentare degli atti di governo? Ci vuole una Camera unica, ci vuole un deputato unico spalmato in 340 seggi che risponda a chi l'ha nominato e forse lo nominerà ancora. Ci vuole un partito unico, ci vuole un comando unico di governo e partito, ci vuole un capo unico che decida avendo come suo Primo Consigliere la Bugia. E non importa nemmeno che questo solo al comando sia di destra o di sinistra; ai riformatori della Costituzione questo appare del tutto irrilevante, e dal loro punto di vista infatti lo è.
Quello che conta è il disegno complessivo che viene perseguito, cioè il passaggio dalla democrazia rappresentativa alla democrazia dell’investitura, dalla democrazia fondata sul Parlamento alla democrazia fondata sul governo, dal rapporto di fiducia per cui il Parlamento è artefice e giudice del governo, al rapporto di potere per cui il governo è padre e padrone del Parlamento, dal popolo che ogni giorno concorre in diversi modi a determinare la politica nazionale, al popolo che una sola volta ogni cinque anni attribuisce il potere a qualcuno e gli altri giorni è solo spettatore manipolato dai sondaggi.
E il risultato è l’annichilimento della politica, per cui si crea un’onnipotenza del potere nell’impotenza della politica e nella subordinazione di ambedue – potere e politica – al dominio incontrastato delle potenze finanziarie e dei mercati.
La riflessione pertanto durante la battaglia referendaria dovrà prendere in carico e approfondire l'analisi di questo scarto che si è venuto a creare tra la Costituzione italiana e la natura barbara di questa fase della storia d'Italia, d'Europa e del mondo, scarto che politici zelanti vorrebbero cancellare schiacciando la Costituzione sull’esistente e addirittura riportandola indietro verso il passato pre-costituzionale, che è quello dell’assolutismo.
Perciò la partita è molto grossa e sono in gioco grandi valori. Non si tratta solo del trucco per cui i consiglieri regionali diventano senatori, si tratta dell’intera concezione della società e della storia. Si tratta della necessità che il pensiero unico che oggi vuole assoggettare le istituzioni politiche sia criticato non solo dall’interno delle stesse istituzioni, che non devono arretrare dalle posizioni raggiunte, ma sia criticato da un punto di vista esterno, cioè a partire da visioni e ideali che vadano oltre la gabbia del sistema vigente, credano a un altro mondo possibile e postulino una ben diversa interazione tra società e Costituzione. Ossia c’è la necessità di una rivoluzione.



Rivoluzione

Questo punto di vista esterno al sistema può essere un’ideologia, un’altra concezione della politica, un’etica, una fede. Anche una fede: è questa la ragione per cui in questa campagna referendaria sono scesi in campo anche i “cattolici del No”, che hanno dichiarato di voler affermare, proprio come cristiani, i valori della Costituzione vigente, di opporsi al suo sovvertimento e di volerne spingere l’attuazione verso traguardi ancora più alti e avanzati. Ciò ha provocato la riapertura della grande questione, particolarmente provocante in Italia, del rapporto tra fede e politica, che in questo caso vuol dire il rapporto tra Vangelo e Costituzione.
Quelli che (come alcuni cattolici vetero-maritainiani di una comunità romana) sostengono un’indifferenza (ovvero una sterilizzazione) della fede rispetto alla battaglia sulla società e la Costituzione, si rifanno a una concezione molto vecchia della laicità, che era giustamente polemica nei confronti del clericalismo, ma che non corrisponde più allo stato di cose presenti e non è degna della Chiesa di papa Francesco, che rende onore all’autonomia dell’umano e ha rivendicato la libertà dei laici cristiani, dichiarando che non sono mandatari di nessun clero e portano in proprio, come tutti, la comune responsabilità del mondo.
Questo tema è però utile perché ci porta a evocare una novità di enorme importanza. Se nella società, in Europa, nel mondo, occorre una rivoluzione, non si può non rilevare che proprio nell’ambito della fede una straordinaria rivoluzione è avvenuta nell’arco dei 50 anni che vanno dal Concilio del Novecento al pontificato di papa Francesco. Senza che forse ce ne accorgessimo, c’è stata ed è in corso una svolta epocale del cristianesimo - non solo della Chiesa, ma dello stesso annunzio di fede – e forse dell’idea stessa di religione, che potrebbe avere conseguenze durature non solo sulle altre confessioni cristiane, ma sull’Islam, sulle diverse culture, e sullo stesso rapporto tra l’idea di Dio e l’umanità come tale.
Di questo “aggiornamento” fanno parte la rivalutazione, con papa Giovanni, della libertà umana (non più espropriata in nome della verità), l’ammissione del pluralismo religioso e della non esclusività della Chiesa cattolica come via di salvezza (col Concilio), il definitivo congedo da ogni idea di un Dio violento (col cardinale Muller, prefetto del dicastero della Fede), il superamento della concezione sacrificale per cui il Padre per essere risarcito del peccato umano esigesse la morte cruenta del Figlio (cosa “in sé del tutto errata” secondo il papa emerito Benedetto), il riconoscimento di un unico popolo di Dio comprendente già ora l’umanità tutta intera, testimoniato da papa Francesco, e infine l’affermazione della misericordia come culmine del messaggio evangelico. A ben vedere il primato sempre richiamato della misericordia suggerisce una comprensione della religione della misericordia non come complemento ma come alternativa alla religione del sacrificio, ovvero il passaggio dalla religione del sacrificio, del “sacrum facere”, che consiste nell’alienazione al sacro dell’umano, alla religione della misericordia che consiste nel dono del cuore divino e nella sua accoglienza nel cuore dell’umano. E’ il farsi uomo e il donarsi di Dio come alternativa all’assorbimento del profano nel sacro. è l’acquisto di Dio nell’umano e non lo svuotamento dell’umano nel divino, secondo la parola della Scrittura, di Gesù, e del cristianesimo stesso: “misericordia voglio e non sacrifici”.
Se questo è avvenuto, sul terreno più difficile, vuol dire che la rivoluzione è possibile su ogni altro terreno. E se la società umana, la comunità internazionale, l’Europa, hanno bisogno di una rivoluzione, essa è già concepita, è già invocata, è già nei cantieri del futuro; l’ha indicata papa Francesco questa mattina (nella cerimonia per il “Carlo Magno”) all’intera classe dirigente europea: non si tratta di correggere qualche trattato con compromessi tortuosi, si tratta di costruire ponti e abbattere muri, di passare da un’economia che punta al reddito e al profitto in base alla speculazione e all’usura, ad un’economia sociale che investa sulle persone, che garantisca l’accesso alla terra, cioè ai mezzi di produzione, al tetto e al lavoro in modo tale che le persone e le comunità possano mettere in gioco tutte le dimensioni della vita, fino a un atteggiamento di adorazione; si tratta non di rivendicare le radici cristiane dell’Europa, ma di riconoscere le radici europee dell’incontro di popoli e di culture diverse, e irrorarle con l’acqua del Vangelo; non si tratta dell’ora di religione nelle scuole, ma della cultura trasversale del dialogo in tutti i curriculi scolastici per una società integrata e riconciliata; si tratta della rivoluzione di un‘Europa ancora capace di essere madre, non la sterile che non partorisce, un’Europa di cui non si possa dire che l’impegno per i diritti umani sia stata la sua ultima utopia, e oggi, soprattutto, si tratta di un mondo dove migrare non sia un delitto.
Questa rivoluzione deve avere un’anima che porti impressi i tratti di varie culture e bellezze, contro ogni chiusura.
E se questa sarà la società, così saranno anche le Costituzioni.

Raniero La Valle


venerdì 6 maggio 2016

REFERENDUM SOCIALI CI METTO LA FIRMA! SALA PIAMARTA - BRESCIA - 12/05/2016

REFERENDUM SOCIALI - CI METTO LA FIRMA! 

GIOVEDI’ 12 MAGGIO 2016, ORE 20,30
SALA PIAMARTA, VIA SAN FAUSTINO 74 

PRESENTAZIONE CAMPAGNA REFERENDARIA
 

INTERVENGONO:

REFERENDUM DELLA SCUOLA:
RENATA DEMARCO,
COMITATI DI BASE DELLA SCUOLA. 

REFERENDUM INCENERITORI:
MARINO RUZZENENTI,
CITTADINI PER IL RICICLAGGIO. 

REFERENDUM TRIVELLE:
EZIO CORRADI,
COORD. COMITATI AMBIENTALISTI LOMBARDIA.

PETIZIONE ACQUA PUBBLICA
MARIANO MAZZACANI,
ACQUA ALMA ONLUS.

LA CITTADINANZA E’ INVITATA A PARTECIPARE 

COMITATO PROVINCIALE REFERENDUM SOCIALI 

giovedì 5 maggio 2016

A Brescia - Le Ragioni del no alla deforma Renzi - Presso Salone Buozzi (CGIL)

LE RIFORME COSTITUZIONALI
ED ELETTORALI:

LE RAGIONI
DEL NO

VENERDÌ 6 MAGGIO
2016
Salone Buozzi,
Via F.lli Folonari, 20 - Brescia

Intervengono:

FELICE BESOSTRI
Coordinamento per la
democrazia costituzionale

RANIERO LA VALLE
Comitato cattolici del NO


mercoledì 27 aprile 2016

Stop-TTIP a Brescia il 2 maggio al Caffè letterario

ATTENZIONE!!!
L'INCONTRO È RIMANDATO A DATA DA DESTINARSI
PER SOPRAVVENUTA INDISPONIBILITÀ DI FERRERO

IL COMITATO DI BRESCIA STOP-TTIP
Organizza la presentazione del libro:
TTIP
L'ACCORDO DI LIBERO
SCAMBIO
TRANSATLANTICO
QUANDO LO CONOSCI
LO EVITI
NE PARLIAMO CON L'AUTORE DEL LIBRO:
PAOLO FERRERO - Segretario Nazionale Prc
e
ORIELLA SAVOLDI - Segreteria Camera del Lavoro di Brescia
LUNEDI' 2 MAGGIO 2016
ORE 20.30
presso
CAFFE' LETTERARIO PRIMOPIANO
Via Cesare Beccaria, 10 Brescia


lunedì 18 aprile 2016

Quale prospettiva per i lavoratori e per il sindacato nel nostro paese?

- Come si fa a parlare di diritti e libertà quando non si difendono e addirittura si condannano quei lavoratori che per quei diritti rischiano il proprio posto di lavoro?
- Come si fa a parlare di democrazia se la si nega all'interno della propria organizzazione?
- Come si fa a lottare contro i padroni se ci si comporta come un padrone dentro il proprio sindacato?
- Chi lotta per i diritti e la libertà ha bisogno di coerenza, non di prepotenza!!!

- Per questo rifiutiamo i brutali comportamenti di Maurizio Landini e siamo solidali con chi ne è colpito! 
QUALE PROSPETTIVA PER I LAVORATORI E PER IL SINDACATO NEL NOSTRO PAESE?

giovedì 21 aprile 2016 alle ore 21


presso la Casa della Sinistra in via Eritrea 20

ASSEMBLEA PUBBLICA
con
Sergio Bellavita

portavoce nazionale dell’area
 “il sindacato è un’altra cosa - opposizione cgil”

Stefania Fantauzzi
RSA- FCA (ex FIAT) stabilimento di Termoli
A questo incontro sono state invitate la segreteria della CGIL e delle FIOM di Brescia
PARTECIPATE!!!
“ il sindacato è un’altra cosa - opposizione CGIL” - Brescia
Aderiscono: C.S28maggio, P. R.C, SinistrAnticapitalista, Ross@, L'altra Franciacorta

25 aprile - Tra i relatori la compagna Laura Alghisi sindaco di Verolavecchia

Qui sotto il manifesto ufficiale del Comune di Brescia per la celebrazione del 25 aprile: alle ore 17.45, in occasione del 70° anniversario del voto alle donne parlerà la sindaca di Verolavecchia Laura Alghisi.


martedì 12 aprile 2016

BASTA LA SALUTE - a Brescia una piéce sulla tragedia Caffaro

Nella sonnolenta e pingue Brescia si muoverà finalmente qualcosa sul disastro ambientale che avvolge la città? La grande manifestazione do Domenica 10 Aprile "Basta veleni" si tradurrà in qualcosa di concreto? Per intanto segnaliamo questa iniziativa, se non altro per la sua originalità:

Teatro Laboratorio – Spazio Aità

Con piacere segnaliamo il debutto del nuovo spettacolo

BASTA LA SALUTE !
Il caso Caffaro

dal 26 al 30 Aprile ore 21

Lo spettacolo si pone come voce in un coro di voci.
Voce senza compromessi nel rovinoso paesaggio dell’inquinamento.
Non dovrebbe mancare la comicità tipica di chi, giocando a fare lo struzzo,
si ritrovò senza sabbia dove nascondersi.


Presso Spazio Aità
Contrada delle Bassiche 27/b
Brescia
Ingresso € 7

Si consiglia la prenotazione allo 030 302696



Quello che segue è il testo che illustra l'iniziativa (il retro del volantino);

BASTA LA SALUTE!
13 agosto 2001, scoppia sulle pagine di Repubblica il caso Caffaro. Nella zona sud di Brescia, la città è cresciuta insieme e attorno alla Caffaro, che ha prodotto per 50 anni Pcb. Oggi il policlorobifenile non si può più produrre nel mondo intero, perché è considerato fortemente cancerogeno. Anche se è apparentemente innocuo, è una molecola simile alla diossina e come quel veleno non si degrada, rimane a lungo nel terreno.
Tutti i quartieri intorno alla fabbrica sono inquinati. Per 50 anni la Caffaro ha disperso ogni giorno 10 kg di Pcb. In tutto 150 tonnellate. Quando la sua tossicità per l’uomo si calcola in ordine di nanogrammi.
Dal 2002 tutti a Brescia e a Roma lo sanno: ma la bonifica non è mai cominciata e si è lasciato che 25.000 persone continuassero a vivere nel veleno. È proibito camminare sull’erba, nessun suolo verde, non asfaltato o cementificato, può entrare in contatto con l’uomo.
La storia che vi raccontiamo non riguarda solo Brescia, perché l’Italia è piena di siti inquinati, contaminati e non bonificati, non lontani dall’abitato, ma vicino alle case, alla gente, alle scuole. Sono 100 mila gli ettari inquinati da Nord a Sud, tutti in attesa di bonifica. Solo in tre siti di interesse nazionale è stato approvato il 130% dei progetti di bonifica previsti.
Da Taranto a Mantova, da Gela a Marghera, da Manfredonia a Casale Monferrato: un business da 30 miliardi di euro tra ritardi, inchieste giudiziarie e commissariamenti, frutto della superficialità, della corruzione, dell'indifferenza per le vite degli altri e per la nostra terra.
Basta la salute” ripercorre con rigore storico e scientifico la storia del Pcb a Brescia dal 1976 a oggi, ricostruisce nel dettaglio il succedersi di sopraffazioni, omertà e aspetti grotteschi del caso Caffaro, il caso di una città che può con diritto primeggiare in Italia per il suo triste stato ambientale.
Vedete, come faccio, come faccio a farla diventare una tragedia questa storia? Ogni volta che sembra che la situazione degeneri, una trovata geniale, da commediuccia all’italiana, la fa diventare opera buffa, barzelletta. E noi siamo qui che ridiamo …”.
Lo facciamo perché è un’urgenza parlarne: siamo costretti, accerchiati, messi alle corde.
Lo facciamo per chiedere che la salute dei cittadini diventi la priorità assoluta, anche se a Brescia questa necessità sembra quasi un tabù, forse perché la situazione è troppo grave. E la gente preferisce girarsi dall’altra parte, fare finta di niente, piuttosto che aprire gli occhi su quello che sta succedendo sulla nostra pelle.
Lo facciamo attraverso un’ironia leggera e spiazzante, capace di coniugare poesia e tragedia.
Lo facciamo perché bisogna sapere, per resistere meglio alla prepotenza e alla menzogna di chi dovrebbe tutelarci.
Lo spettacolo si pone come voce in un coro di voci.
Voce senza compromessi nel rovinoso paesaggio dell’inquinamento. Non dovrebbe mancare la comicità tipica di chi, giocando a fare lo struzzo, si ritrovò senza sabbia dove nascondersi.

mercoledì 9 marzo 2016

Honduras - Comunicato di Rifondazione Comunista sull'omicidio di Bertha Cáceres

La storia dell'Honduras, come quella di tutta l'America Latina, ha sempre goduto delle ricadute della "Dottrina Monroe" (1823), racchiusa nello slogan "L'America agli americani" sempre inteso in seguito come se per "Americani" fosse sottinteso che si parlava degli Stati Uniti d'America.
In tempi più recenti l'Honduras è stato la base di partenza per la guerra guerreggiata, condotta per conto degli Stati Uniti e benedetta da papa Wojtyla, contro il governo Sandinista del Nicaragua di Daniel Ortega.
Più recentemente ancora il presidente Obama, fresco fresco di premio Nobel per la pace, assistette al colpo di stato (o assistette il colpo di stato) che il 28 giugno 2009 depose il presidente eletto Manuel Zelaya Rosales a causa della sua politica moderatamente riformista; colpo di stato giustificato da un presunto "attentato alla Costituzione" compiuto da Zelaya, per il suo progetto di indire un referendum che gli consentisse di essere rieletto.
Da allora la politica neoliberista, già dominante in Honduras, ha potuto dilagare con tutte le sue atrocità, che nel "cortile di casa" degli USA sono notoriamente di una qualità diversa da quella che noi, fino ad oggi almeno, siamo abituati a nostra volta a subire a causa della politica liberista.
L'ultima di queste atrocità è stata l'uccisione della militante dei diritti delle popolazioni indigene Bertha Cáceres. Qui sotto pubblichiamo il comunicato di Fabio Amato e Marco Consolo del dipartimento esteri del Partito della Rifondazione Comunista:

Il Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea condanna con forza l’assassinio di Bertha Cáceres, storica dirigente del COPINH (Consejo Civico de Organizaciones Populare e Indigenas de Honduras), sempre in prima linea per la difesa dei diritti del popolo Lenca e di tutto il popolo honduregno.
Bertha è stata assassinata all’alba del 3 marzo, in casa sua, mentre dormiva. Cercheranno di farlo passare per un crimine comune, ma noi sappiamo, insieme a tutta la comunità internazionale, che si tratta di un omicidio politico i cui mandanti sono da ricercare tra le imprese multinazionali presenti nel Paese, che godono della copertura delle autorità.
Insieme agli omicidi dei dirigenti sociali, la criminalizzazione degli attivisti in Honduras è sempre più forte, e passa sempre più sotto silenzio.
Bertha Cáceres aveva ricevuto, lo scorso 20 aprile, il Premio Goldman 2015, un importante riconoscimento per gli attivisti in difesa dell’ambiente, e lo aveva dedicato al popolo Lenca, alla sua resistenza e al suo valore.
Bertha è stata minacciata, insultata, incarcerata, ma ha continuato a dedicare tutte le sue energie alla lotta contro il sistema capitalista, patriarcale, sfruttatore di corpi e di risorse naturali.
Il Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea unisce la propria voce a quelle che si sono espresse in questi giorni in ogni parte del mondo, indignate, arrabbiate, tristi, ma non certo sconfitte, ed esige la punizione dei responsabili e la cancellazione del progetto idroelettrico Agua Zarca a Río Blanco, portato avanti dall’impresa DESA. Il PRC-SE esprime le proprie condoglianze e tutta la nostra solidarietà alla famiglia di Bertha Cáceres, al COPINH e alle militanti e ai militanti che ogni giorno in Honduras difendono la propria terra e i propri diritti, mettendo a rischio la propria incolumità.
Hasta siempre, Bertha!
Roma 8-3-2016
Fabio Amato Marco Consolo




mercoledì 2 marzo 2016

RIFONDAZIONE COMUNISTA: QUALI GLI SCENARI E QUALI LE PROSPETTIVE DELLA SINISTRA

In uno scenario nazionale e internazionale sempre più preoccupante, a sinistra ci sono movimenti ed inquietudini in cui non sempre è facile orientarsi.
Pertanto la Federazione dei Brescia promuove un

ATTIVO
APERTO A ISCRITTI E SIMPATIZZANTI

VENERDÌ 11 MARZO 2016
ALLE ORE 20.45

PRESSO LA SALA INCONTRI
VIA ERITREA 20E

"RIFONDAZIONE COMUNISTA: QUALI GLI SCENARI E QUALI LE PROSPETTIVE DELLA SINISTRA"

Con la partecipazione di
NANDO MAINARDI - SEGRETERIA NAZIONALE PRC-SE
DINO GRECO - DIREZIONE NAZIONALE PRC-SE

La segreteria provinciale del Partito della Rifondazione Comunista

Liberi di scegliere - Sabato 5 marzo 2016 - ore 16.30 San Carlino - Brescia

venerdì 26 febbraio 2016

Referendum no-triv - Anche l'Italia vuole il "suo" petrolio

Il referendum contro le trivelle nei nostri mari, che sono tutti mari chiusi (in particolare l'Adriatico è in realtà poco più di una grande pozza), con conseguenze devastanti in caso di incidente (ricordate il Golfo del Messico?) sembra in realtà un oggetto misterioso, anche dopo che il governo ha fissato per il 17 aprile la data di effettuazione. Su internet non c'è verso di trovare almeno il testo del quesito al quale dovranno rispondere gli italiani. In mancanza d'altro riportiamo qui un articolo di Left, che sembra abbastanza informato:
È il referendum dell’assurdo quello del 17 aprile sulle trivelle. Il governo ha deciso di boicottare la consultazione sul prolungamento “a vita” delle concessioni petrolifere in scadenza, quelle entro le 12 miglia al largo dei nostri mari, fissando una data a breve scadenza e negando l’accorpamento con il voto alle Amministrative. Significa un esborso di circa 360 milioni di euro per le casse dello Stato, ma la cifra potrebbe addirittura raddoppiare: la Corte Costituzionale, infatti, sta vagliando due conflitti di attribuzione (sulle trivelle a terra e sul coinvolgimento degli enti locali) che potrebbero diventare altrettanti quesiti, e quindi rendere necessario un nuovo appuntamento referendario sullo stesso tema. Da qui l’appello – caduto nel vuoto – al Presidente Mattarella a non controfirmare l’indizione delle consultazioni, anche per evitare un contrasto con il pronunciamento della Consulta, atteso per il 9 marzo.
Su questo tema il governo è nel pallone. Con lo Sblocca Italia ha dichiarato “strategiche” le trivellazioni, esautorando di fatto Regioni ed enti locali da ogni decisione. Lo scorso dicembre poi, complice la pendenza di sei quesiti referendari (dei quali finora è sopravvissuto soltanto quello sulle concessioni già in essere), ha introdotto con la legge di Stabilità il divieto di ricerca di idrocarburi entro le 12 migliadalla costa (poi il Mise ha rigettato 26 progetti) e garantito maggiore partecipazione agli enti locali. Anche l’allarme sulle trivelle al largo delle Isole Tremiti è rientrato: la Petroceltic, titolare della concessione, ha annunciato che non la utilizzerà. Dopo la notizia che anche la piattaforma abruzzese di Ombrina Mare non si farà,restano in piedi i progetti in Sicilia, quelli oltre le 12 miglia e i tre grandi giacimenti dove già si estrae petrolio: il Guendalina di Eni nell’Adriatico, il  Rospo di Edison davanti alle coste abruzzesi e il  Vega, anche questo di Edison, nel canale di Sicilia davanti a Ragusa. Questi ultimi, se passa il sì, alla scadenza delle concessioni dovranno cessare le attività.
Il timore del governo è che, una volta raggiunto il quorum, la portata del referendum vada ben oltre la lettera del quesito e la vittoria del “sì” consolidi un consenso generalizzato ad arrestare l’italica “corsetta” al petrolio. D’altro canto, la mobilitazione dell’ultimo anno ha visto saldarsi le istanze di comitati locali, associazioni ambientaliste, sindaci e Regioni. E nel frattempo cadono progressivamente anche le ragioni di chi spiegava che «se non lo facciamo noi, il petrolio lo estrarranno i nostri dirimpettai». Il primo ministro croato Tihomir Orešković ha annunciato di recente una moratoria delle perforazioni, mentre i NoTriv pugliesi hanno chiesto al governo montenegrino, e a quello italiano che deve dare il consenso, di bloccare ogni attività di ricerca per gli evidenti rischi ambientali e per il pericolo di intercettare ordigni inesplosi.
Ma tornando alle acque di casa nostra, a chi giova restare attaccati al greggio? Al di là (o forse a causa) delle pressioni delle lobby, le previsioni contenute nella Strategia energetica nazionale, datata 2013, enfatizzano il potenziale delle nostre riserve, i giacimenti ancora da sfruttare. «Le risorse potenziali totali ammontano a 700 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, ndr) di idrocarburi (peraltro, dato che negli ultimi 10 anni l’attività esplorativa si è ridotta al minimo, è probabile che tali dati di riserve siano definiti largamente per difetto)», recita il documento politico-programmatico. Stando alle previsioni governative, “trivellando tutto il trivellabile” copriremmo l’intero fabbisogno italiano di gas e di petrolio per oltre 5 anni, che diventano 50 mantenendo l’attuale livello di ricorso agli idrocarburi estratti in Italia. Il documento, in realtà, chiarisce che le riserve “certe” ammontano a 126 Mtep, mentre sono soltanto “probabili e possibili” le restanti 574. Per Legambiente «le nostre riserve coprirebbero soltanto 8 settimane di fabbisogno nazionale, un’inezia rispetto ai rischi e ai costi che comporterebbe estrarlo». È un’assurdità, spiegano dal movimento NoTriv, dinanzi a un tracollo del prezzo del petrolio come quello attuale.

Da Reagan a Obama son tutti uguali

Dall'avvio della svolta con la quale il centro dell'impero ha avviato l'aggressione globale al mondo, la politica liberista (Padroni, siete liberi di prendervi tutto!) procede senza soste e senza remore. Ora tocca di nuovo all'Argentina. Questa terra martoriata e potenzialmente ricchissima ha subito prima l'orrore della dittatura della Giunta militare dal 1976 al 1983, con il sostegno esplicito della Chiesa ufficiale; poi il primo tracollo finanziario dovuto alla speculazione della "finanza creativa", che si arricchisce prima creando, appunto moneta fasulla; ma che quando si arriva alla resa dei conti vuol essere pagata con moneta reale.
Ora al governo è andato per l'appunto l'uomo di fiducia di questa finanza globale, che sta imponendo con una "velocità" sconosciuto persino al nostro Presidente del Consiglio, il suo programma di totale continuità, sul piano economico, con quello della Giunta.
Pubblichiamo qui sotto la protesta-appello del "Grupo de Argentinos en Italia por la Memoria, la Verdad y la Justicia":

 Argentina:
MACRI = FAME

Dalla promessa elettorale di una
rivoluzione dell’allegria” a una realtà
di povertà e pallottole di gomma

Licenziamenti selvaggi e indiscriminati di cooperative di servizio, assistenti sociali, operai, ricercatori e giornalisti, per mettere a tacere la voce dell’opposizione.
Inflazione incontrollabile, pallottole di gomma per reprimere manifestazioni e feste di quartiere ferendo anche bambini.
Patto con i fondi avvoltoio e il FMI per ottenere prestiti che indebiteranno un’altra volta il popolo argentino con un nuovo swap del debito.
Privilegi per il settore agricolo e minerario con una drastica riduzione delle tasse.
Per non parlare del tentativo di smantellare e indebolire la Politica di Diritti Umani, un argomento molto sensibile per il Paese.
Tutti i settori del Paese sono sotto attacco del revanchismo neoliberista dell’attuale governo del presidente Macri che in meno di due mesi ha prodotto, a forza di decreti, un drastico cambiamento strutturale nel Paese con l’obiettivo dichiarato di smantellare e distruggere le politiche di inclusione sociale, economica e culturale, conquistate nel corso degli ultimi 12 anni dopo la grande crisi del 2001.
Come si presenterà alla prossima udienza del 27 febbraio di fronte al Papa, un presidente che in soli due mesi di carica ha portato povertà, inflazione incontrollata, instabilità, licenziamenti in massa, censura e leggi speciali per reprimere le proteste?
Come si presenterà davanti al Papa un presidente che, tra le altre cose, ha imprigionato senza giusta causa Milagro Sala, direttore e capo dell’organizzazione di quartiere di Tupac Amaru e rappresentante della sua provincia nel Parlasur scatenando la condanna anche di Amnesty International e del Parlamento Europeo?


Grupo de Argentinos en Italia por la Memoria, la Verdad y la Justicia
Progetto Sur onlus
Frente Murguero Italiano