Cerca nel blog

Caricamento in corso...

In evidenza

2016 PARTE LA STAGIONE ELETTORALE E REFERENDARIA

DA APRILE PARTITA LA RACCOLTA FIRME PER I REFERENDUM SOCIALI

REFERENDUM TRIVELLAZIONI - «IL GOVERNO RENZI STA DISTRUGGENDO LE NOSTRE VITE»
Contro la legge sulla scuola
Firma per i quattro quesiti per stoppare il colpo finale alla scuola italiana!
Contro i piani per nuove trivellazioni e nuovi inceneritori
Firma i due referendum ambientali!

LA FUNZIONE DEL NUOVO SENATO

LE MODIFICHE COSTITUZIONALI:
— comportano lo stravolgimento della democrazia rappresentativa;
concentrano il potere nelle mani del governo e di chi lo guida attribuendo ad un unico partito il potere esecutivo e il potere legislativo
— L’unica Camera dotata di rilevanti funzioni sarà la Camera dei Deputati
— condizionano l'elezione del Presidente della Repubblica, dei giudici della Corte Costituzionale e dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura.

PERCHÈ DIRE NO

Come prescrive l'articolo 138 della Costituzione, è stata depositata la richiesta di referendum da parte dei parlamentari, ma si procederà anche alla raccolta delle firme popolari - Stavolta, per bocciare Renzi, NON OCCORRE IL QUORUM

LA FUNZIONE DELLA NUOVA CAMERA

COL SUPERPORCELLUM RENZI ASPIRA A DIVENTARE L'UOMO DELLA PROVVIDENZA
Ma è già partita una raffica di ricorsi alla Corte Costituzionale


VAI AL SUPERPORCELLUM

Contro il superporcellum
Firma per i due referendum contro l'Italicum

Al referendum vota NO

RIFONDAZIONE COMUNISTA è a BRESCIA con due ingressi: in VIA CASSALA 34 (ingresso uffici) e in VIA ERITREA 20 (ingresso Sala incontri)

clicca sulla miniatura qui sotto

CONTATTACI: rifondazionebrescia@gmail.com telefono-0302411021 fax-0303736420
pec: rifondazionebrescia@pec.it

Destina il due per mille al nostro partito! Vai alla pagina con le istruzioni complete

Se hai post da proporre per questo blog scrivi a rifondazionebrescia@gmail.com

DOVE TROVARCI

seguici anche sul sito   connettiti al sito www.rifondazionebrescia.it   su Facebook  connettiti a facebook   su Google+ connettiti a google+   su Twitter  connettiti a twitter   su You Tube connettiti a youtube

mercoledì 21 settembre 2016

La crisi nella gestione dei flussi migratori deriva dal più generale fallimento del neoliberismo

Teseo uccide il minotauro, il mostro
che si cibava di carne umana
I muri e l’ostruzione delle frontiere in Ungheria, Macedonia, Austria, l’uscita della Gran Bretagna dalla UE e l’intento di edificare un muro allo sbocco del tunnel sotto la Manica, sono il portato non solo dell’incapacità dell’Europa di gestire in modo ordinato gli arrivi dei migranti, ma anche del cedimento della globalizzazione liberista e della sua ideologia, basata sulla libertà di movimento dei capitali, delle merci e delle persone.
Nel solo 2015, le richieste di asilo ricevute dai paesi aderenti all'OCSE sono state 1,65 milioni, di cui 1,3 nei paesi europei. Purtroppo le (peraltro incolpevoli) persone sono, rispetto ai capitali, l'elemento più facilmente individuabile e più agevolmente additabile quale cagione (in realtà capro espiatorio) dei problemi.
Il fallimento della globalizzazione neoliberista sta creando mostri e intolleranza.
Ovunque avanzano le destre estremiste e xenofobe, ed è persino sorprendente l’abilità di questi movimenti nel farsi portavoce e alfieri dei ceti disagiati (le vittime del liberismo) presentandosi quali protettori di identità nazionali e di posti di lavoro dinanzi alla asserita minaccia di concorrenza portata dai nuovi arrivati o da coloro che chiedono accoglienza, i quali vengono attaccati persino nei loro usi e costumi.

Donald Trump è candidato alla presidenza negli USA, Marine Le Pen e Norbert Hofer sono in lizza per le elezioni presidenziali rispettivamente in Francia e in Austria. In Germania l’estrema destra di Frauke Petry è ormai insediata in dieci dei sedici parlamenti regionali. Dopo il successo relativo in Meclemburgo Pomerania con il sorpasso dell’AFD ai danni della CDU della stessa Merkel, il 18 settembre la stessa formazione è entrata nel parlamento regionale di Berlino con un consenso di oltre il 14%. La cancelliera tedesca si è precipitata ai ripari. Ha già detto che l'afflusso di migranti in Germania non sarà più di entità pari a quello avuto nel 2015.

Se la crepa più evidente del neoliberismo occidentale è oramai particolarmente palese nella reazione all'immigrazione, non meno rilevante è il sintomo della sua decadenza rappresentato dal calo del commercio internazionale, sul quale si va progressivamente innestando una politica protezionistica.

I paesi emergenti non sembrano più in condizione di compensare il deludente tasso di crescita dei paesi di prima industrializzazione. Le misure protezionistiche sono ormai la norma. E' la stessa WTO ad aver rilevato nel primo quadrimestre di quest'anno 150 misure protezionistiche, delle quali oltre l'80% varate da paesi facenti parte del G20.

Il fallimento del neoliberismo risulta particolarmente notevole alla luce della linea politica che i leaders politici di tutto il mondo hanno scelto (dimostrando una pervicace ottusità ideologica oltre che cointeressenze più o meno esplicite con i protagonisti della finanza globale) per affrontare la crisi economica del 2008. Essi sono, in sintesi, rimasti abbarbicati agli stessi strumenti e allo stesso armamentario ideologico che avevano dominato la cultura politica nei decenni precedenti la crisi. Il “business as usual”, ovvero continuare a lasciar fare al mercato, non ha funzionato. Nulla è stato fatto per ridurre le scandalose disuguaglianze ereditate dai decenni precedenti, le quali hanno semmai mostrato ovunque un incremento. La politica monetaria ultraespansiva adottata dalle banche centrali (una manna per le borse) si è mostrata insufficiente ai fini del rilancio dell'economia globale. Ha piuttosto innescato una guerra valutaria nella quale ciascun protagonista nazionale, in abbinamento con le sempre raccomandate riforme strutturali (ossia bassi salari), cerca di sottrarre quote di mercato ai concorrenti, il che contribuisce a deprimere la domanda mondiale e, daccapo, ad alimentare tentazioni protezionistiche.
Il “Washington consensus” sembra giunto al capolinea. Il mondo non è più unipolare. Il doppio deficit (interno e estero) americano, che poggiava sulla fiducia nel biglietto verde, ha a lungo consentito agli USA l'assorbimento delle eccedenze commerciali estere, ma non poteva espandersi indefinitamente. Lo scoppio della connessa bolla finanziaria ha fatto il resto. Gli Stati Uniti non possono più permettersi di svolgere il ruolo di “Minotauro globale” (definizione di Yanis Varoufakis).
Anche le guerre dichiaratamente finalizzate all'esportazione della democrazia erano funzionali al mantenimento del “Washington consensus”, ma hanno finito per risultare destabilizzanti e ampliative del solco con parte del mondo arabo.

Intanto i politici di casa nostra, con i loro intenti fuori tempo massimo, pensano e agiscono come se il mondo fosse tuttora quello di dieci anni fa, come se il “business as usual” avesse funzionato e si potessero nutrire speranze, grazie alla libera movimentazione di capitali e di flussi finanziari, di armonici effetti risultanti dalle politiche neoliberiste. Solo così si spiega la miope visione che determina l'atteggiamento del Ministro Calenda, favorevole al TTIP, e l'atteggiamento del Presidente Renzi, promotore della riforma costituzionale perché grazie a essa si attirerebbero investimenti. Atteggiamenti anacronistici, ormai sorpassati dagli eventi.

L'ordine mondiale che abbiamo conosciuto negli ultimi 25 anni è al tramonto. Il caos e l'incertezza regnano sovrani. Quando un nuovo ordine internazionale emetterà i primi vagiti non è dato sapere. La fine della storia, declamata da Francis Fukuyama all’indomani della caduta del muro di Berlino, è ancora molto al di là da venire.

Sergio Farris

Con questo scritto del compagno Sergio Farris inauguriamo un nuovo spazio per la partecipazione politica dei compagni, come indicato nella manchette in testa al blog. Speriamo che i contributi giungano numerosi e interessanti come in questo caso. E ricordiamo che chiunque può commentare gli scritti che compaiono sul blog.

giovedì 15 settembre 2016

Apertura campagna del comitato provinciale per il no al referendum - 23, 24, 25, 26 settembre

IN DIFESA DELL A DEMOCRAZIA E DELLA NOSTR A COSTITUZIONE

PER IMPEDIRE LA DERIVA AUTORITARIA E REAZIONARIA

4 serate di dibattito e confronto organizzate al Centro Sociale 28 Maggio via Europa 54 - Rovato
dal Comitato Provinciale per il NO nel Referendum Costituzionale

23 - 24 - 25 - 26 SETTEMBRE

GIORNALISTI A CONFRONTO
venerdì 23 settembre ore 21
CORRADINO MINEO (giornalista e politico, Senatore della Repubblica)
DINO GRECO (sindacalista e giornalista, responsabile formazione del PRC)

PARTIGIANE A CONFRONTO
sabato 24 settembre ore 21
LIDIA MENAPACE (staffetta Partigiana, Senatrice della Repubblica, pacifista e femminista)
NICOLETTA DOSIO (storica attivista e portavoce del Movimento No Tav)

MAGISTRATI A CONFRONTO
domenica 25 settembre ore 18
ARMANDO SPATARO (Procuratore della Repubblica di Torino)
FERDINANDO IMPOSIMATO (Presidente Onorario aggiunto alla Suprema Corte di
Cassazione

MILITANTI A CONFRONTO
lunedì 26 settembre ore 21
MONI OVADIA (artista vagabondo e politico)
GIORGIO CREMASCHI (militante nei movimenti sociali, coordinatore del Forum Diritti Lavoro)

Il principio stabilito dai Padri Costituenti come elemento ispiratore della Costituzione nata dalla Resistenza al nazifascismo è più che mai prezioso oggi in cui non solo non vengono rispettati i dettami costituzionali, ma la Costituzione stessa viene manomessa ed è l’arbitrio a farsi legge nelle mani del partito trasversale degli affari che concentra in sé i tre poteri, usandoli come strumento di sfruttamento, repressione sociale, devastazione ambientale. (Nicoletta Dosio)

TUTTE LE SERE FUNZIONERÀ IL SERVIZIO BAR E CUCINA CON SPECIALITÀ GASTRONOMICHE



mercoledì 7 settembre 2016

Festa nazionale Prc 2016 a Firenze - 7-11 settembre


Mercoledì 7 settembre 2016 (a cura della Federazione di Firenze)
19.15 Firenze Liberata: il contributo dei comunisti e dei sovietici, con
Partigiano
Sugo (brigata Sinigaglia)
Luigi
Remaschi (ANPI provinciale Firenze)
Ugo
Barlozzetti (Sezione ANPI “Potente”)
Introduce e coordina Manuela Ciriello (PRCSE
Firenze)
22.00 saluto del Partigiano Sugo (brigata Senigaglia).
A seguire
concerto dei Malasuerte FirenzeSud
Giovedì 8 settembre 2016 (a cura della Federazione di Firenze)
19.15 Conferenza sulle esperienze di legalizzazione della cannabis, con
– Rita Bernardini, Partito Radicale e Presidente onorario di Lapiantiamo Cannabis Social Club,
– Maurizio Acerbo, Segreteria nazionale PRCSE
– Osvaldo Giovannini, “Comunisti in Erba”
– Tommaso Grassi, consigliere comunale “Firenze riparte da sinistra”
– Luca Marola, autore di “Legalizzare con successo” e conduttore radiofonico di Non Solo Skunk
Introduce e coordina Monica Sgherri, Segreteria nazionale PRCSE
e promotrice legge sulla cannabis terapeutica in Regione Toscana
21.30 Presentazione del Comitato per il referendum regionale a difesa della sanità pubblica con Giuseppe Ricci (del Comitato) e Paolo Sarti,
consigliere regionale Sì Toscana a Sinistra
A seguire
concerto degli Ivanoska
Venerdì 9 settembre 2016
19.00 Apertura festa nazionale: Ribelliamoci!, con
Dmitrij
Palagi, Segretario provinciale PRCSE
Nicoletta
Dosio, del movimento No Tav
Paolo
Ferrero, segretario nazionale PRCSE
21.00 Terremoto: la solidarietà attiva, la ricostruzione, la trasformazione, con
Georg
Frisch, urbanista
Andrea
Ferroni, coordinatore PRCSE
intervento su terremoto
Peter
Gomez, direttore de il Fatto quotidiano.it
Lidia
Menapace, partigiana
Enrico
Perilli, consigliere comunale Aquila PRCSE
Ilaria
Mugnai, Brigate di Solidarietà Attiva
Sabato 10 settembre 2016
15 incontro nazionale partito sociale
21.00 No alla manomissione della Costituzione, con
Domenico
Gallo, Comitato per il NO
Luciano
Guerzoni, vicepresidente nazionale ANPI
Paolo
Maddalena, vicepresidente emerito della Corte Costituzionale
Giovanni
Russo Spena, resp. Democrazia PRC SE
Massimo
Torelli, de l’Altra Europa con Tsipras
Domenica 11 settembre 2016
10.00 Assemblea dei segretari di circolo, provinciali e regionali del PRC
Mutamento sociale, rifondazione della politica, con
Ezio
Locatelli, responsabile organizzazione PRC
Loris
Caruso, sociologo
Carlo
Formenti, sociologo
Silvana
Cesani, Lodi Comune Solidale
Kostas
Karras, coordinatore della Solidarietà e direzione Syriza del Pireo
17.00 comizio di chiusura della festa nazionale con
Dmitrj
Palagi, segretario provinciale PRC
Paolo
Ferrero, segretario nazionale PRC
18.00 presentazione del libro Contro Hitler. Gli anarchici e la resistenza tedesca dimenticata con
l’autore
Leonhard Schaefer
A seguire
concerto de La mi S’ignora
Tutte le sere ristorante, birreria, bar, libreria, dibattiti, giochi e molto altro!
Tutte le sere spazi informativi di: ANPI, Associazione di Amicizia Italo Palestinese, Associazione di Amicizia ItaliaCuba,
Emergency, Comitato
Stop TTIP, il manifesto, Ireos (comunità quel autogestita), Comunisti in Erba.
Sarà possibile firmare per la Carta dei Diritti Universali del Lavoro, il referendum regionale toscano a difesa della sanità pubblica, la legge di
iniziativa popolare per la Buona Scuola della Repubblica.
Sarà possibile contribuire alla raccolta di materiali e fondi delle Brigate di Solidarietà Attiva.
CONSIGLI PER PERNOTTARE A FIRENZE

lunedì 5 settembre 2016

Tour ricostituente - al caffè letterario di Brescia


No pasaran - iniziativa del Circolo del Centro Storico per il NO al referendum

Votiamo NO al Referedum sulla Riforma della Costituzione!
Sosteniamo tutte le lotte a difesa dei diritti di tutte/i!
Sabato 10 settembre dalle 19.00 alle 23.00
via Porta Pile al Carmine, Brescia
gastronomia popolare e musica in strada
a difesa del dettato costituzionale
Contro la volontà di questo governo illegittimo di dare un colpo mortale alla DEMOCRAZIA, immensa eredità trasmessa al prezzo degli enormi sacrifici della resistenza, con il referendum sulla Costituzione e la legge elettorale “italicum”.
Contro i fascismi vecchi e nuovi che agitano con il razzismo la solita, cinica bandiera, speculando sulle vite di migliaia di migranti che fuggono dall’orrore della guerra e della miseria.
Contro i burattini di questa Europa al servizio del capitalismo più criminale, lontana dai diritti più elementari, che prima soffia sui conflitti, offre aiuto ai guerrafondai, poi si allea con gli assassini di turno per difendere i confini nazionali, dichiarando guerra agli sfruttati del mondo.
Resistere oggi
come allora!
Rifondazione Comunista - Circolo Dall'Angelo-Ghetti - Via Porta Pile 19/F Brescia
prccentrostoricobs@gmail.com


domenica 7 agosto 2016

I numeri vincenti della sottoscrizione a premi - Festa di Liberazione - Brescia 2016



Sottoscrizione a premi Numeri vincenti

Elenco premi



Batteria di pentole "Serafino Zani" 1032
Soggiorno 3 giorni (2 notti) x 2 persone WONDERBOX 1084
MICROONDE con Grill Elettrico Silvercrest 764
VAPORIERA Elettrica con 3 inserti trasparenti 528
BUONO BENZINA da 50 euro 1078
Moka Elettrica ARIETE 189
Sbattitore elettrico B&D 1146
Piastra per capelli IONO HAIR STYLE 1000 1263
3 Bottiglie di vino 424
10° 2 bottiglie di vino 40

Come previsto l'estrazione è avvenuta Martedì 2 agosto 2016 nell'ambito della festa provinciale
Qui sotto la fotografia del tabellone con i risultati scattata immediatamente dopo l'estrazione


Il ritiro del premio per chi non era presente all'estrazione è reso difficoltoso dal fatto che la federazione provinciale è chiusa almeno fino a lunedì 29 settembre. Chi fosse in possesso di uno dei biglietti vincenti è pregato di venire in federazione (via Cassala 34 - Brescia) munito del proprio tagliando dopo tale data.

domenica 31 luglio 2016

A causa del maltempo annullato il concerto della Gang

L'attesissimo concerto della Gang, la Band marchigiana che nasce per iniziativa dei fratelli Marino e Sandro Severini alla fine degli anni '70, affermandosi sulla scena punk virando poi verso il folk ed il combat-rock con testi impegnati politicamente, previsto per questa sera Domenica 31 luglio al Parco Urbano di Bovezzo, non si terrà a causa del maltempo che ognuno ha potuto constatare nella sua virulenza a partire da questa mattina, e che non si placherà fino alla prossima notte.
Spiace non poter godere, artisticamente e politicamente, del contributo di questi compagni che da sempre cantano episodi della Resistenza, raccontano di lotte sociali e di bombe di stato, e narrano le gesta di personaggi quali Pasolini, Ilaria Alpi, Peppino Impastato e molti altri. Molte sono le denunce per diffamazione di politici ed amministratori che hanno accompagnato la loro lunga carriera. Famoso è l'episodio del 1 maggio 1991, quando dal palco di Piazza San Giovanni, al concertone di CGIL CISL e UIL, hanno letto un comunicato ove si invitava la classe operaia allo sciopero contro il Governo Andreotti, episodio che precluderà alla Gang la possibilità di comparire nella TV pubblica per tutti gli anni successivi.
Comunque la cucina e bar saranno aperti, sempre sperando che non arrivi un'altro finimondo come quello di questa mattina: gli stand sono solidi ed i compagni sempre arzilli e pronti a soddisfare tutti i palati.

Nella foto il vero e proprio tornado di questa mattina con "l'occhio" tra Milano e Verona nella foto del satellite

martedì 26 luglio 2016

Attenzione: invertito il programma dei gruppi musicali di venerdì 29 e sabato 30 luglio

Contrariamente al programma comunicato i Cek Deluxe si spostano a Venerdì 29 Luglio, mentre la Ciurma Anemica si esibirà Sabato 30 Luglio, secondo lo schema della immagine qui sotto.
Ci scusiamo per il disguido.

sabato 9 luglio 2016

Il programma completo della festa 2016 di Rifondazione Comunista a Bovezzo


GIOVEDÌ 21 LUGLIO
Ore 21.00
LA SALUTE È ANCORA UN DIRITTO?
Ne parliamo con
Gabriella Liberini – Prc Centro Storico
Alberto Marino – Presidente MD Brescia
Antonio Bravi – Medico di base

VENERDÌ 22 LUGLIO
Ore 21.30
Meo-mixe circus
Le canzoni di Jannacci”

SABATO 23 LUGLIO
Ore 21.30
BARABONZIBONZIBÒ
serata gypsy-rock”

DOMENICA 24 LUGLIO
Ore 21.30
BALLO LISCIO con I NIPOTI

LUNEDÌ 25 LUGLIO
Ore 21.00
Superare le disuguaglianze per uscire dalla crisi
Incontro con
Paolo Ferrero – Segretario nazionale Prc-Se

MARTEDÌ 26 LUGLIO
Ore 21.00
Il futuro del territorio:
perché dire no alle grandi opere
Fiorenzo Bertocchi – Segretario PRC Brescia
Francesco Raucci – Comit. Acqua Pubblica Brescia
Stefania Baiguera – Comitato Ambiente Brescia Sud
Marco Apostoli – Comitato rifiuti zero - Brescia
Roberto Saleri – Coordinam. NoTav Bs-Verona

MERCOLEDÌ 27 LUGLIO
Ore 21.00
La dignità oltre il mercato:
un lavoro per vivere
Roberto Romano - Ricercatore
Piergiovanni Alleva – Giuslavorista
Coordina
Cristian Cristelli - Giornalista

GIOVEDÌ 28 LUGLIO
Ore 21.00
Di sana e robusta costituzione:
le ragioni del NO alla riforma costituzionale
Laura Alghisi – Sindaco di Verolavecchia
Francesca Parmigiani – Dottoressa di Ricerca in Diritto costituzionale
Gisella Bottoli – Libertà e Giustizia Brescia

VENERDÌ 29 LUGLIO
Ore 21.30
Ciurma anemica
Canzoni di lotta”

SABATO 30 LUGLIO
Ore 21.30
CEK DELUXE
Tutta musica dal blues all'hard rock”

DOMENICA 31 LUGLIO
Ore 21.30
GANG
Una serata di ritmo e impegno politico

LUNEDÌ 1 AGOSTO
Ore 21.00
Accoglienza questa sconosciuta:
l'esperienza della Valtrompia
Mario Folli – Assessore Comunità Montana VT
Stefano Savoldi – Referente progr. profughi Caritas
Andrea Ghidini – Progetto SPRAR Coop. Il mosaico

MARTEDÌ 2 AGOSTO
Ore 22.00 ESTRAZIONE SOTTOSCRIZIONE A PREMI
CHIUSURA FESTA




 

sabato 2 luglio 2016

Sotto mentite spoglie culturali continua il subdolo recupero della ideologia nazifascista

Questa volta si sono inventati una veste "boreale" per chiamare a raccolta le truppe neo naziste europee sul lago di Garda, sponda veronese, a Torri del Benaco. Questa volta con il patrocinio ufficiale del Consiglio Comunale di quel paese.
Appena venuti a conoscenza dei fatti riguardanti un raduno neonazista a Torri del Benaco, sulla sponda veronese del lago di Garda, proprio di fronte a Salò, dove continua la mostra dei busti di Mussolini, abbiamo mandato alla stampa il comunicato che segue:

COMUNICATO STAMPA

La segreteria provinciale di Brescia del Partito della Rifondazione Comunista a nome del Partito tutto esprime la più profonda preoccupazione ed indignazione per il progressivo affacciarsi di rivendicazioni e taciti riconoscimenti del più buio passato che si riteneva tramontato.
Oltre alle varie formazioni italiane ed europee che si richiamano esplicitamente al nazifascismo e ne praticano apertamente alcuni metodi, denunciamo come un pericolo ancora più grave l'atteggiamento anche istituzionale che sempre più spesso offre copertura a queste recrudescenze, nascondendo la larvata acquiescenza a queste forze sotto i più vari pretesti, tra i quali campeggia la giustificazione pseudo-culturale.
Non possiamo non ricordare il caso di San Colombano, dove forze dichiaratamente fasciste provinciali hanno potuto godere dell'esplicito appoggio del sindaco di Collio nella loro opera di violenta intimidazione.
Ma poi è stato un vero e proprio fiorire di iniziative, dalla mostra salodiana dedicata ai busti del duce, alla distribuzione gratuita della bibbia nazista ad opera di un grande quotidiano, all'ultima novità che è in corso sulla sponda opposta a Salò, dove il comune di Torri del Benaco offre addirittura il suo patrocinio ad una manifestazione di neonazisti e neofascisti del terzo millennio che si nascondono dietro la sigla di un sedicente “Festival Boreal”.
In questo caso il Consiglio Comunale ha emesso una apposita delibera, esplicitamente dedicata al Patrocinio di questa manifestazione, con concessione dell'uso del logo del comune, giustificandola con la “valenza culturale” di questa adunata di nazifascisti provenienti da mezza Europa, fitta di personaggi a volte pluricondannati in patria per reati commessi nell'ambito della loro ideologia.
Come partito ci uniamo alle richieste ANPI, ANED (Associazione Nazionale ex deportati nei Campi Nazisti), ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici antifascisti) di sospensione immediata della manifestazione, e comunque di condanna dell'operato della amministrazione comunale interessata; e sollecitiamo le autorità preposte a far rispettare le leggi ed i principi che reggono la nostra convivenza democratica, rivendicando il diritto ad opporsi a questa deriva.

mercoledì 22 giugno 2016

A Ghedi festa "Bella ciao" - 1, 2, 3 Luglio

24a FESTA
di
LIBERAZIONE

bella ciao”

1-2-3 Luglio 2016
Venerdì 1: Scuola Ballo RONDINELLE
Sabato 2: DJ MAURIZIO (ballabili internazionali)
Domenica 3: JANITA (ballo liscio)

STAND GASTRONOMICO
Domenica ore 12.30 SPIEDO
su prenotazione euro 13.00 (bevande escluse)
(tel. 3485592810 – 3384877804)

LA RESISTENZA CONTINUA
presso Centro Sportivo

via Cervi GHEDI


martedì 14 giugno 2016

Quale futuro per la Costituzione?

QUALE FUTURO PER LA COSTITUZIONE?
TUTTI NE PARLANO,
POCHI CONOSCONO
UN'OCCASIONE PER
APPROFONDIRE E CAPIRNE
DI PIU'

LUNEDI' 20 GIUGNO
ORE 18
SALA PIAMARTA
VIA SAN FAUSTINO BRESCIA

Incontro-Dibattito
in vista del referendum autunnale sulla Riforma Costituzionale
recentemente approvata dal Parlamento

Partecipano:

DINO GRECO Direzione Nazionale PRC
Comitato Promotore per il NO

ALFREDO BAZOLI Parlamentare PD
Comitato Promotore per il SI

Coordina:
MAURO ZAPPA Collaboratore BresciaOggi
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA

Federazione di Brescia

martedì 31 maggio 2016

I filmati della iniziativa di solidarietà con gli "incompatibili" della FIOM

Giovedì 21 aprile 2016 presso la Casa della Sinistra in via Eritrea 20 si è tenuta una ASSEMBLEA PUBBLICA con Sergio Bellavita, allora ancora portavoce nazionale dell’area “il sindacato è un’altra cosa - opposizione cgil”, Stefania Fantauzzi RSA- FCA (ex FIAT) dello stabilimento di Termoli e Mimmo de Stradis, RSA- FCA (ex FIAT) dello stabilimento di Melfi, tutti colpiti dagli strali di Landini (vedi l'annuncio invito su questo blog).

Qui di seguito i collegamenti ai filmati completi dei singoli interventi pubblicati su You Tube

https://youtu.be/lBK0yFq6tHA stefania fantauzzi 











https://youtu.be/z5YvbZPeryc mimmo de stradis 1











https://youtu.be/ZgOQLK3j-4w sergio bellavita 1
















































https://youtu.be/3RrRcKQiggw giorgio cremaschi



































https://youtu.be/gx2C8sYlbIA mimmo de stratis 2























































https://youtu.be/mfT6jaCFioA sergio bellavita 2 conclusioni